Indirizzo
Via Mosca, 43 - 00142, Roma
Orari di apertura
Lunedì-Venerdì: 8:30-19:30
Sabato: 9:00-13:00
disabilità_sessualità

Disabilità e sessualità, dal pregiudizio alla normalità

Per lunghissimo tempo, il tema della sessualità collegato alla disabilità ha generato silenzio, imbarazzo e scandalo. Successivamente, è stato considerato perlopiù come un atto sanitario. 

Negli ultimi anni, con la presa di posizione di persone con disabilità, si è innestata gradualmente una visione più inclusiva di analisi, che ha costituito la lente di ingrandimento delle censure e delle problematicità causate dall’educazione fallocentrica e performativa. 

Ribaltare, superare e ridisegnare l’immaginario collettivo connesso alla sessuo-affettività delle persone con disabilità è stato l’obiettivo della tavola rotonda organizzata il 18 luglio 2023 nella Sala Capitolare del Senato dai senatori Antonio Guidi e Gianni Berrino. 

Sono intervenuti Laura Coccia, politica e atleta, Cleto Corposanto, sociologo, Patrizia Sciolla, psicoterapeuta e consulente per disturbi sessuali, Armanda Salvucci, ideatrice del progetto Sensuability e presidente dell’associazione Nessuno Tocchi Mario e Gianluca Giacchero, attivista. A moderare, Nausica Cangini psicoterapeuta cognitivo comportamentale, presidente di Studio LOM. 

L’evento ha costituito uno spazio di dibattito culturale per sottolineare l’importanza della decostruzione dell’idea performativa e fallocentrica della sessualità e restituire diritto di autodeterminazione alle persone con disabilità. 

Ad aprire i lavori la Prof.ssa Nausica Cangini: “Tutti noi abbiamo diritto ad esprimere la nostra sessualità in modo libero e soddisfacente, senza discriminazioni o pregiudizi. Tuttavia, per molte persone con disabilità, l’accesso ad una sessualità consapevole e piena di significato può essere limitato o ostacolato da vari fattori, come stereotipi sociali, barriere fisiche o mancanza di supporto adeguato. Vogliamo mettere in luce le sfide che affrontano le persone e le soluzioni possibili per garantire una sessualità inclusiva, rispettosa e appagante per tutti. Abbiamo il dovere di impegnarci a creare società che abbiano cura di ogni individuo”.

Il senatore Antonio Guidi, responsabile del dipartimento di Disabilità ed Equità sociale di Fratelli d’Italia afferma: “Quello della disabilità e della sessualità è un argomento considerato al limite, sfidante e complesso, ma che deve essere attraversato, invece, con semplicità, lasciando da parte pregiudizi e tecnicismi”. “È solo recentemente – prosegue – che qualcuno comincia a parlare esplicitamente di disabilità e amore, di corpo disabile e sessualità, in maniera demedicalizzata e depatologizzata. È comune pensare che certe realtà d’ordine, come la centralità fallica, abilità fisiche o sensoriali, l’avere un corpo secondo standard costituiscano condiotiones sine qua non. Io non voglio condizioni. Una sana sessualità, argomento così liquido, deve prescindere da performance e parametri costituiti”. 

Il senatore dichiara inoltre: “Rifiuto il concetto di sessualità collegato alla disabilità come diritto. Non si può garantire un terreno emozionale quasi per legge. Occorre, invece, implementare le occasioni di incontro e partecipazione, creando le condizioni dello stare insieme: dalla scuola al teatro, dal lavoro alle feste, dalla casualità all’incontro mirato, abbattendo barriere architettoniche e culturali. Ma soprattutto cercando di combattere mediante lotta culturale il pregiudizio per cui la sessualità delle persone con disabilità costituisca un problema speciale. Complicato sì, ma non terreno di dissertazioni sonnacchiose fra tecnici. La sessualità non è un self-service, ma la ricerca del tanto – a volte del tutto – partendo dal poco di sé stessi.

Il senatore Gianni Berrino, capogruppo della commissione Giustizia e membro della commissione Affari sociali dichiara: “Rispetto a questo argomento, la politica non deve tacere per paura, indifferenza o comodità. È un tema sicuramente sensibile, da trattare con tatto, ma da affrontare. Partiamo da questa discussione, perché una sessualità sana e felice fa parte della nomalità della vita. Parlare di sessualità non deve essere un diritto, è una normalità: dovrebbe essere così a prescindere. Questa iniziativa intende esattamente squarciare il velo del silenzio, del tabù e del pregiudizio e costituire un momento di confronto attivo”. 

Successivamente, si sono susseguiti gli interventi dei relatori del mondo della psicoterapia, della sociologia, dell’arteterapia e dell’attivismo per costruire un momento di dibatitto socio-culturale sulla narrazione e sulla rappresentazione delle sessualità delle persone con disabilità, ma anche sui temi del corpo e delle relazioni. 

Laura Coccia, ex atleta paralimpica e parlamentare Pd, portavoce dell’associazione DisabilmenteMamme, afferma: “Nell’immaginario collettivo le persone con disabilità sono esseri sofferenti che necessitano ininterrottamente di essere curati, incapaci di provare emozioni negative, interessi o passioni di qualsiasi genere. Da quando sono rimasta incinta, mi sono imbattuta contro un muro di ignoranza che sembra fatto di gomma, sul quale le mie risposte razionali rimbalzavano nell’indifferenza: “È tuo fratello?”, “Vivete insieme?”, “Ma sei incinta?” e poi “Di chi è il bambino? È tuo? L’hai fatto tu?”. Domande nelle quali anche solo l’uso del “tu” denota un abbassamento sociale. Questi sono gli stereotipi e i pregiudizi contro cui dobbiamo lottare ogni giorno, considerando che una donna con disabilità è sempre vittima di una doppia discriminazione: come donna e come persona con disabilità”.

Cleto Corposanto, sociologo, dichiara: “Il grande errore è stato aver cominciato a pensare che tutto dipendesse dalle strutture del nostro cervello. Emozioni, convincimenti, percezioni, sensazioni: tutte cose che, erroneamente, abbiamo pensato di poter provare – e conseguentemente anche gestire – attraverso semplici circuiti neuronali, in una visione di separatezza corpo/mente che avrebbe garantito una sorta di patente di primazia sul resto del mondo. Noi, dotati di cervello sul ponte di comando, e tutti gli altri dall’altra parte. Che errore! Siamo fatti di chimica e di materia organica, ma siamo fatti anche di ambiente, cultura, storia e posizione nello spazio sulla terra. Ciò che ci caratterizza, come singoli e come società, è quindi la risultante di sistemi complessi che, in modo e moto perpetui, agiscono e retroagiscono. Non esiste un modello di corpo inteso proprio come un modello, che funzioni meglio, che restituisca percezioni che si presume siano oggettive”. 

Patrizia Sciolla, psicoterapeuta familiare e consulente per i disturbi sessuali, illustra “un nuovo galateo del rispetto e della sessualità che ci possa garantire un vissuto più profondo dell’amore”. “Siamo tutti un po’ disabili, ma qualcuno può nasconderlo meglio – afferma – i pregiudizi da abbattere sono, prima di quelli architettonici, mentali, culturali e intimi. La disabilità è proporzionata a quanto dobbiamo viverla. In tal senso, è opportuno parlare di galateo del rispetto della sessualità, in cui si passa dalla repressione all’educazione e all’autoregolazione. Dobbiamo promuovere una cultura che sappia: diffondere l’educazione emotiva e sessuale, promuovere l’inclusività dei corpi e il rispetto delle diversità, comprendere e Lavorare sulle conseguenze delle emozioni, comprendere quale tipologia di persona è maggiormente adatta a noi, fornire una conoscenza informata sulla sessualità virtuale, ribadire che la genitorialità è una possibilità per qualcuno, ma è un dovere comunitario per tutti favorirla. Occupiamoci di promuovere questa mentalità: la sessualità è davvero l’unico ambito in cui si possa parlare di parità: del resto nessuno ci capisce qualcosa!”. 

Armanda Salvucci, ideatrice del progetto Sensuability e presidente dell’associazione Nessuno Tocchi Mario dichiara: “Il corpo con disabilità è da sempre stato associato alla sofferenza, all’indesiderabilità e all’impossibilità di essere portatore di desiderio attivo. Quindi lontano dalle manifestazioni gioiose della vita, come l’erotismo. Noi con il progetto Sensuability, abbiamo deciso di decostruire questi stereotipi e pregiudizi con ironia e leggerezza. Mostriamo corpi non perfetti che possono essere comunque sensuali. Vogliamo aprire a un nuovo immaginario erotico che vada oltre il pietismo e la compassione. Si tratta di generare un cambiamento culturale e avvicinare le persone al tema facendo piazza pulita da rabbia o sensi di colpa e ribadendo che è impossibile trascendere il tema dell’autonomia e dell’autodeterminazione”. 

Gianluca Giacchero, attivista per i diritti delle persone con disabilità, rimasto paralizzato in seguito a uno sfortunato tuffo, dichiara: “L’incidente mi ha portato a non poter essere più autonomo, dover sempre dipendere dagli altri, dover combattere tutti i giorni con i miei problemi fisiologici. Non sono stati motivi per cui abbattermi, bensì uno stimolo per guardare sempre avanti e non perdere la speranza. Infatti, oggi dopo quasi sedici anni, ho un lavoro stabile, porto avanti con coraggio le mie battaglie, inseguo speranzoso i miei sogni ed obiettivi e continuo a perseverare mantenendomi in forma nonostante le difficoltà. Spero che la mia storia possa essere di ispirazione e tenere aperto un dibattito su un argomento così importante e urgente, non solo per chi ha una disabilità, ma per tutti”. 

Altre informazioni su questo dibattito sono state riportate anche negli articoli de Il Giornale, di Radio Radicale e di DottNet.

Psicoterapia per adolescenti

Psicoterapia per adolescenti: garantire il benessere emotivo

L’adolescenza è un periodo di profondi cambiamenti fisici, emotivi e psicologici, in cui spesso i ragazzi si apprestano ad affrontare sfide e pressioni che possono mettere a rischio la loro salute mentale.

Con la dott.ssa Nausica Cangini, presidente e psicoterapeuta di Studio LOM, abbiamo affrontato l’importante tematica della psicoterapia nell’adolescenza, fondamentale per garantire il benessere emotivo dei ragazzi.

 

Studio Lom dispone di un’équipe dedicata alla psicoterapia per gli adolescenti, nello specifico per i giovani adulti.

Secondo gli ultimi dati del CNOP (Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi) il 31% dei nuovi pazienti che intraprendono un percorso di psicoterapia sono proprio ragazzi al di sotto dei 18 anni.

Sicuramente a seguito della pandemia abbiamo assistito ad un incremento del disagio nei giovani. Ma per quello che abbiamo osservato noi clinici, la pandemia è stata solo il detonatore di un malessere che era già presente e che i ragazzi non manifestavano in maniera dirompente. La sofferenza ha molte facce e spesso le sintomatologie possono manifestarsi nei modi più svariati, e non essere immediatamente riconducibili ad un disagio psicologico. 

Possiamo dire quindi che la pandemia ha tirato fuori un problema che probabilmente non sarebbe mai emerso, o almeno non nell’immediato. Per questo motivo, nel nostro Centro abbiamo deciso di aprire un servizio di psicoterapia solidale a disposizione di tutte le persone in difficoltà.

 

Di che servizio si tratta?

Il servizio di psicoterapia solidale consiste in un percorso di supporto psicologico, che viene offerto a costi contenuti per renderlo accessibile a tutti. 

Ogni persona che soffre ha qualcosa da dire, l’unica differenza sta nel privilegio di essere ascoltata. Per questo vogliamo promuovere il messaggio che prendersi cura della propria salute mentale è un aspetto importantissimo per il nostro benessere e tutti dovrebbero avere la possibilità di farlo.

Con questa iniziativa, noi di Studio Lom vogliamo offrire il diritto di ricevere un trattamento psicoterapeutico e avviando questo servizio speriamo di contribuire a promuovere una società più sana e avere un impatto duraturo soprattutto sulla vita dei giovani.




Corso di accompagnamento alla nascita

Corso di accompagnamento alla nascita: intervista con la dott.ssa Rossella Palermo

La gravidanza è un evento speciale nella vita di una donna e della coppia, per questo è importante affrontarla con consapevolezza e con la preparazione adeguata. 

Abbiamo parlato di questo tema con la dott.ssa Rossella Palermo, ostetrica di Studio LOM, che ci ha spiegato gli obiettivi e i benefici che un corso preparto può apportare all’esperienza della gravidanza.

 

Quanto è importante un corso di accompagnamento alla nascita (CAN) per una donna in attesa?

Ad oggi, un corso di accompagnamento alla nascita è fondamentale per far sì che la donna sia preparata e informata sia al momento del parto sia per il suo ritorno a casa, e quindi vivere serenamente anche il recupero post partum. Numerosi studi dimostrano che circa il 70-80% delle donne che nel corso della gravidanza hanno seguito questo tipo di corso, vivono più serenamente e con più consapevolezza l’intero viaggio verso la maternità. 

 

Quali sono gli obiettivi di un CAN?

Gli obiettivi di un corso di accompagnamento alla nascita sono molteplici: quello principale è di preparare la donna sia fisicamente che psicologicamente all’esperienza del travaglio, e quindi seguirla passo dopo passo nella preparazione al parto.

 

Che ruolo ha l’ostetrica?

L’ostetrica è una figura chiave nell’esperienza di ogni donna, perché offre supporto emotivo prezioso alle future mamme. Grazie alla sua competenza e alla sua empatia è in grado di rassicurare le donne, ascoltare le loro preoccupazioni ed educarle a ciò che accadrà al loro corpo. Sarà la persona presente in ogni fase della gravidanza, soprattutto dal travaglio al recupero post partum. Aiuterà la donna ad affrontare al meglio l’allattamento e le fornirà preziosi consigli per adattarsi alla maternità. 

Ci sono altri corsi offerti da Studio LOM che la dott.ssa Palermo consiglia alle future mamme, come ad esempio:

  • un percorso di fitness in gravidanza costruito direttamente insieme alle madri, per accompagnare le donne alla preparazione al parto anche fisicamente;
  • corsi specifici sul massaggio al bebè, per approfondire il contatto mamma-bambino o papà-bambino, a seconda di chi seguirà il percorso.
DSA_studioLom

DSA: intervista con la dott.ssa Alessia Pedone

I Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) sono un gruppo di disturbi legati al neurosviluppo, che possono causare una serie di complicazioni nello studio rendendolo un’attività dispendiosa di energie e molto stressante.

Ma come dobbiamo comportarci se ci accorgiamo che nostro figlio presenta questo tipo di difficoltà?

A rispondere a questa domanda interviene la dott.ssa Alessia Pedone, psicologa e psicoterapeuta, specializzata in processi di apprendimento e responsabile dei DSA di Studio LOM. In questa intervista ci aiuterà a capire meglio le caratteristiche di tali disturbi, e a consigliare strategie e metodi per gestire e supportare in modo efficace i bambini che ne sono affetti. 

  • Da che età possono manifestarsi i disturbi dell’apprendimento?

I DSA si manifestano principalmente in età scolare, difficilmente vengono diagnosticati in età prescolare. Questo perché l’apprendimento inizia alla scuola primaria, quando avviene l’acquisizione della letto-scrittura e delle abilità logico-matematiche. È possibile accorgersi se un bambino è affetto da un disturbo specifico dell’apprendimento grazie all’intervento tempestivo delle insegnanti, che possono segnalare ai genitori se ci sono difficoltà nella letto-scrittura o nell’acquisizione del calcolo. 

Come genitori, il consiglio utile è osservare il proprio figlio durante lo svolgimento dei compiti, quindi se fa fatica, se c’è un rallentamento o se c’è una difficoltà nella lettura (che risulta poco fluente) o nel calcolo matematico se fa difficoltà a ricordare le tabelline o a mettere in colonna i numeri. 

  • Che differenza c’è tra un doposcuola e un doposcuola specialistico?

Per chi ha un disturbo dell’apprendimento va detto che c’è una differenza fondamentale tra un doposcuola e un doposcuola specialistico. Il doposcuola può essere impartito da una figura non necessariamente professionale, ma che si occupa di aiutare i bambini o i ragazzi nello svolgimento dei compiti. Il doposcuola specialistico è un doposcuola tecnico, che viene impartito da una persona che ha delle competenze specifiche nell’apprendimento e si basa principalmente sul metodo di studio. Non è uno svolgimento esclusivo dei compiti, ma viene insegnato al bambino un metodo di studio che è personalizzato su di lui e viene individualizzato in base alle sue caratteristiche. 

Il compito principale del metodo di studio e quindi del doposcuola specialistico è garantire l’autonomia.

  • Quanto è importante il lavoro svolto in piccoli gruppi?

Il lavoro svolto in piccoli gruppi è molto importante, poiché il gruppo permette di fare da canalizzatore degli apprendimenti per gli altri. Lavorando e stando con gli altri possiamo apprendere delle cose in modo diverso, quindi il gruppo è un elemento fondamentale per un’acquisizione dell’apprendimento globale. 

  • Quali sono gli stili di apprendimento e i metodi di studio?

Gli stili di apprendimento sono la base delle nostre capacità di acquisizione, ognuno di noi ha il proprio e possono essere di diversi tipi:

  • globale 
  • individuale
  • visivo
  • verbale
  • cinestetico.

All’interno del metodo di studio è possibile individuare il proprio stile di apprendimento e basare uno studio specifico su questo. Ad esempio chi ha uno stile di tipo verbale, è più opportuno nel suo metodo di studio utilizzare delle mappe concettuali. Mentre per chi ha uno stile cinestetico l’apprendimento è basato sull’esperienza, quindi nel suo metodo di studio sarà meglio utilizzare alcuni strumenti (come PowerPoint) o l’acquisizione delle conoscenze attraverso la pratica diretta.

 

  • Quale è il segreto per diventare uno studente di successo?

Il segreto per essere uno studente di successo è la motivazione. Apprendere in modo motivante è sicuramente stimolante per tutti, sia per i bambini ma anche per i ragazzi più grandi. Questo è possibile attraverso la conoscenza delle proprie abilità e l’acquisizione del proprio metodo di studio, personalizzato e individualizzato. Essere uno studente di successo permette anche di essere consapevole delle proprie potenzialità e questo permette all’individuo di migliorare la propria autostima.

 

Offrire gli strumenti giusti e il supporto necessario ai bambini affetti da DSA è quindi fondamentale per la loro crescita, ma anche per valorizzare e potenziare le loro abilità. L’obiettivo della Summer School DSA proposta da Studio LOM è proprio questo: un doposcuola specialistico che si svolgerà durante i mesi estivi, per permettere a bambini e ragazzi di potenziare specifiche aree cognitive e di acquisire strategie di apprendimento efficaci, per prepararsi così al rientro a scuola.










Mindfulness: cos’è e perché utilizzarla in età evolutiva

Esiste un’idea comune che i bambini e il periodo dell’infanzia, siano immuni da stress, noi adulti spesso ci riferiamo, e ricordiamo, questa fase della nostra vita come fatta di lunghe vacanze, tempo per il gioco, gli amici, di fatto un periodo “senza pensieri”. Quest’idea è del tutto errata, questo periodo di vita può essere caratterizzato, ad esempio, da eventi maggiori, come la separazione dei genitori o la malattia di un familiare vicino (un nonno), ma anche eventi minori, fronteggiare un coetaneo prepotente, trasferirsi in un nuovo quartiere, non essere abbastanza performante a scuola o nello sport. Vi sono anche aspetti imputabili ad una società che ha profondamente cambiato la struttura delle famiglie, spesso i due genitori lavorano a tempo pieno, oppure vi sono famiglie monoparentali e questo costringe i bambini a passare molto più tempo in servizi come il dopo-scuola o con una tata a tempo pieno.

Read More

Disturbo_ossessivo_compulsivo

DOC: Disturbo Ossessivo Compulsivo in età evolutiva

Il disturbo ossessivo compulsivo (DOC) è un disturbo d’ansia caratterizzato da ossessioni e compulsioni che interferiscono con il normale sviluppo cognitivo e sociale e che producono effetti negativi sulle relazioni familiari, nel rapporto con i coetanei e nelle performance scolastiche*. Il DOC viene anche chiamato la malattia del dubbio: i pazienti infatti spesso dubitano dei loro pensieri, delle loro percezioni o delle loro credenze.

Read More

Disprassia in età evolutiva: campanelli d’allarme

La disprassia è un disturbo della coordinazione e della pianificazione motoria dei principali distretti corporei. La diagnosi e l’intervento precoce sono fondamentali, al fine di  stimolare e recuperare al meglio le funzioni maggiormente fragili.

Abbiamo racchiuso alcuni dei principali campanelli d’allarme che possiamo osservare in distinte aree:

Read More